Responsabilità medica. Cassazione ribadisce l’importanza al riferimento

di Quotidiano Sanità

Responsabilità medica. Cassazione ribadisce l’importanza al riferimento

 

 

Il giornale on line Quotidianosanità.it ha riportato la vicenda di due medici accusati di aver provocato la morte di un paziente. La mancata somministrazione della terapia eparinica indicata dalle linee guida (prevista per i pazienti con periodo di allettamento superiore a tre giorni e per chi abbia età superiore i 40 anni o in sovrappeso) con tutta probabilità avrebbe provocato una tromboembolia acuta massiva. Un caso esemplare di come la mancata percezione del problema o la scarsa conoscenza delle linee guida, possano essere la causa di spiacevoli eventi.

 

Qui di seguito il link che riporta all’articolo (in cui è possibile scaricare la sentenza della Cassazione)

http://www.quotidianosanita.it/lavoro-e-professioni/articolo.php?articolo_id=63727